Standard
 





Aspetto generale
Taglia
Testa
Costruzione
Coda
Pelo
Piedi - speroni
Colori
Andatura
Carattere

Cane da pastore della Beauce - Beauceron
Bas Rouges

1. Cranio 2. Stop 3. Tartufo 4. Naso 5. Commessura labiale 6. Gola 7. Scapola 8. Braccio
9. Avambraccio 10. Carpo 11. Dita 12. Sperone ant. 13. Gomito 14. Ventre 15. Pene
16. Gamba 17. Speroni post.18. Dita 19. Garretti 20. Coda 21. Groppa 22. Rene
23. Dorso 24. Garrese 25. Collo

 

 

 

ASPETTO GENERALE - TAGLIA

Cane di grossa taglia, forte, solido, rustico, potente, ben costruito e muscoloso, senza essere pesante; carattere franco non pauroso.
Penalizzazione: mancanza di rusticità o di potenza, timido. 
Squalifica: mancanza di tipicità, troppo pesante o troppo debole, pericoloso o pauroso.
Taglia: Maschio: da 65 cm. a 70 cm. - Femmina: da 61 cm. a 68 cm. 
Squalifica: taglia fuori dal limite massimo o minimo.

 

TESTA

Lunga: (2/5 dell'altezza al garrese), ben proporzionata rispetto al corpo. Cranio: piatto o leggermente arrotondato da un lato all'altro; solco mediano poco accentuato, accenno di testa occipitale; testa ben cesellata con linee armoniose, ma senza debolezza. Stop ( o salto naso-frontale): poco accentuato, a uguale distanza dalla punta del naso e dalla sommità del cranio; larghezza del cranio e altezza della testa leggermente inferiori alla metà della lunghezza della stessa testa; canna nasale non montanina, ma appena convessa verso l'estremità; assi cranio-facciali paralleli. Muso: nÚ stretto, nÚ appuntito; le labbra devono essere chiuse, asciutte, sempre ben pigmentate, il labbro superiore copre quello inferiore senza sballottare; la commessura labiale deve formare un leggero inizio di occhiello che resterà sempre chiuso. Denti: forti, bianchi, con chiusura a forbice. I denti della mascella superiore devono coprire quelli della mascella inferiore senza mai perdere il contatto. La dentatura deve essere completa: se occorre, bisogna tener conto del ruolo funzionale di ogni regione dentale. Naso: il tartufo, in proporzione al muso, non deve essere nÚ stretto, nÚ diviso, sempre nero; visto di profilo, deve essere sul prolungamento del labbro superiore. Occhio: orizzontale, con rima palpebrale di forma leggermente ovale. Deve essere scuro, mai più chiaro del nocciola intenso anche quando le focature del mantello tendono al chiaro. Nella varietÓ con mantello arlecchino Ŕ ammesso l'occhio gazzuolo. Espressione da pastore: cioè franca, mai cattiva, nÚ paurosa, nÚ inquieta. Orecchie: con attaccatura alta. Se tagliate devono stare erette, nÚ divergenti, nÚ convergenti, rivolte leggermente in avanti. Quando il portamento delle orecchie Ŕ corretto, il loro centro deve trovarsi sul prolungamento originario del lato del collo. Le orecchie non tagliate non devono mai aderire al cranio, ma presentarsi piatte e piuttosto corte; la lunghezza delle orecchie non tagliate deve essere pari a metÓ della lunghezza della testa.
Penalizzazioni: cranio un po' piatto o più tondo del dovuto. Salto naso-frontale insufficiente o troppo accentuato, canna nasale montonina, troppo sottile o troppo grossa. Labbra troppo chiuse o cascanti, commessura spessa e flaccida, labbra insufficientemente commentate. Denti gialli, cariati. Mancanza di: 1 incisivo o 1 canino o 1 molare, niente CAC - 2 premolari piccoli, niente Eccellente - 2 incisivi o 2 canini o 2 molari, niente Molto Buono - 3 premolari piccoli, niente Molto Buono - 3 incisivi o 3 canini o 3 molari, Abbastanza Buono - 4 premolari piccoli, Abbastanza Buono. Tartufo stretto, in posizione deviata, troppo voluminoso, troppo in avanti. Occhi obliqui, prominenti, non sufficientemente aperti, chiari, con espressione inquieta. Orecchie molli, mal portate se tagliate, troppo lunghe o accartocciate se naturali, attaccatura difettosa.
Squalifica: testa mancante di tratti di tipicità della razza, troppo piccola o troppo pesante. Stop mancante o eccessivamente pronunciato. Scatola cranica troppo piccola, canna nasale troppo stretta o corta. Labbra troppo sviluppate, flaccide, depigmentate, enognatismo, prognatismo. Mancanza di molari o dentatura gravemente incompleta; impossibilità di esaminare la dentatura. Tartufo diviso, di colore diverso dal nero. Occhi troppo chiari, di non corretta formazione. Orecchie integre portate erette o non rispondenti alla descrizione.

COSTRUZIONE

Il pastore della Beauce è un cane mediolineo, vale a dire strutturato in modo armonioso e proporzionato, senza che una regione prevalga sull'altra; la lunghezza del corpo dall'estremità della spalla all'estremità della natica deve essere superiore all'altezza misurata la garrese di: da 1 a 1,5 cm. per il maschio; da 1,5 a 2 cm. per la femmina. Collo muscoloso e ben fuso con le spalle, testa fieramente eretta, torace largo, disceso e profondo, circonferenza toracica superiore di 1/5 dell'altezza al garrese, sterno disceso sino all'altezza della punta del gomito, false costole lunghe ed elastiche, spalle oblique e mediamente lunghe, dorso diritto, garrese ben marcato, reni larghi e ben solidi; groppa poco inclinata e unicamente nel senso dell'attaccatura della coda, ginocchio non troppo angolato, gamba portata un po' indietro, garretto forte e basso (ma non troppo vicino a terra, deve trovarsi a circa 1/4 dell'altezza del cane al garrese), che forma con la gamba un angolo ben aperto, metatarsi in appiombo, ma leggermente arretrati rispetto all'estremità della natica; avambraccio muscoloso e secco, arti inferiori e posteriori, visti di profilo, di fronte o di dietro, sempre in appiombo.
Penalizzazione: tronco non abbastanza o troppo lungo; collo fragile o tozzo; giogaia. Torace stretto o debole. Spalle un po' troppo diritte o troppo angolate. Groppa troppo inclinata o diritta. Angolazioni leggermente difettose.
Squalifica: Cassa toracica deficiente. Torace troppo cilindrico. Linea inferiore rilassata o levrettata. Longilineo o brevilineo. Disarmonia tra le regioni. Angolazioni difettose. Monorchidismo, criptorchidismo o atrofia dei testicoli.

CODA

Interna, portata bassa, lunga almeno sino all'estremità del garretto, senza deviazioni, leggermente arcuata, in fondo a forma di "J".
Penalizzazioni: leggera deviazione, uncino un po' chiuso o coda di vacca.
Squalifica: coda accorciata, arrotolata su se stessa o sul dorso, eccessivamente uncinata, assenza di frangia.

PELO

Raso sulla testa, forte corto, grosso; sul corpo compatto e disteso, lungo da 3 a 4 cm.; leggera frangiatura obbligatoria sulle natiche e sulla coda. Sotto il pelo di copertura c'è un sottopelo molto corto, fine, folto e lanoso, preferibilmente grigio topo e molto fitto. Non deve mai sporgere attraverso il pelo di copertura.
Penalizzazioni: pelo troppo lungo sulla testa, frangiatura insufficiente o di colore troppo chiaro, pelo troppo aderente al corpo, pelo con tendenza ad ondularsi. Si dice che il pelo ha "tendenza all'ondulazione" quando presenta una leggera sinuosità per tutta la lunghezza pur restando disteso.
Squalifica: troppo pelo sulla testa, pelo troppo corto o troppo lungo, assenza di frangiatura o di sottopelo, pelo troppo fine, arruffato, ondulato. Si dice che il pelo è "ondulato" quando non è nÚ riccio, nÚ liscio, nÚ piatto.

PIEDI

Forti, rotondi, unghie sempre nere, cuscinetti plantari troppo fini o poco elastici.
Squalifica: piedi piatti o che non consentono un lavoro normale.
 

SPERONI

Speroni doppi situati all'interni degli arti posteriori, formano dei "pollici" ben separati uno dall'altro, il più possibile vicino ai piedi (per avere una maggiore superficie portante).
Penalizzazioni: doppi speroni attaccati troppo in alto; doppi speroni agli arti anteriori.
Squalifica: speroni semplici o mancanza di speroni.

COLORI

A) Nero e fuoco (bicolore) "Bas Rouge". Il colore nero deve essere molto deciso, quello delle focature "rosso scoiattolo"; le macchie focate devono trovarsi nelle seguenti posizioni: pastiglie sopra gli occhi, parte bassa del muso, e che sfumano verso le guance senza mai raggiungere la parte sottostante le orecchie; al petto saranno preferite due macchie e non un piastrone unico, alla gola, sotto la coda. Agli arti le focature comprendono i piedi, i metacarpi, i metatarsi con sfumature verso l'alto, senza estendersi mai oltre il terzo dell'arto stesso (un po' più alto all'interno); è tollerato qualche pelo bianco al petto.

B) Arlecchino, grigio nero e fuoco (tricolore); il mantello deve essere in parti uguali grigio e nero a macchie oppure pi¨ nero che grigio. Le focature devono essere posizionate come nel bicolore (nero focato).
Penalizzazioni: nero non abbastanza deciso, focature non abbastanza decise col nero, troppo chiare o troppo scure o insufficienti o invadenti, leggera macchia al petto. Per l'arlecchino aree grigie o troppo chiare o troppo invadenti.
Squalifica: macchie bianche sul pettorale, focature troppo invadenti o in posizioni diverse da quelle indicate o separate dagli altri colori con una linea troppo netta; per l'arlecchino, troppo grigio, nero sul lato e grigio sull'altro, grigio all'interno delle focature, testa tutta grigia. Le penalizzazioni dipendono dalla gravità del difetto. Può portare alla squalifica tutto ciò che rileva debolezza o degenerazione, come le ladre, la depigmentazione, i colori sbiaditi.

ATTEGGIAMENTI

Sono le posizioni naturali assunte dal cane. E' essenziale giudicare il Pastore della Beauce nei suoi atteggiamento naturali; anche se l'espositore può piazzare il suo cane è però il giudice che deve prendere in considerazione le posizioni naturali.

ANDATURE

E' indispensabile giudicare le andature. Un cane da pastore non può essere valutato in pieno da fermo; le andature devono essere morbide e naturali, con gli arti ben allineati; il giudice deve guardare il cane davanti e dietro. IL soggetto poco armonico in azione sarà penalizzato. Le andature sono: il passo, il piccolo trotto, il trotto allungato, il galoppo; per il Pastore della Beauce è essenziale il trotto allungato.
Penalizzazioni: Cattive posizioni (secondo la gravità). Sarà penalizzato il cane che cammina con piccoli passi coprendo poco terreno; che ha il trotto corto, che inizia il galoppo a piccola andatura, che va in ambio.
Squalifica: impossibilità di esaminare le posizioni e le andature; andatura non da pastore.

CARATTERE

Saggio, ma ardito. Saranno respinti i cani che si dimostrano aggressivi senza ragione, paurosi o esageratamente diffidenti.